Music by Stijn Van Cauter
News and updatesStream or download musicAbout SVCStore

Voice of the Stars review by DVKE for Disfactory.it (website)


Auto-translated version :
From Belgium the genius of Stijn van Cauter continues to erupt new sonic exhalations. Impossible to stop his passion, to appease his hunger in formulating always new sound directions linked to the extreme circuit of the doom. Many pearls have been heard in the past and are still felt now thanks to the creation of Arcane Voidsplitter, an incarnation that saw its second beat come out in 2019 under the wings of the excellent Aesthetic Death.

With this project the good Stijn intends to "glorify" three particular stars (Arcturus, Betelgeuse and Aldebaran), Voice of the Stars represents so much more than the classic declaration of intent, here we intend to give sound to pure silence, the spatial one, a an image that must be represented more with thought than with eyes. And such sensations are pushed against us properly and in "zero gravity" by Arcane Voidsplitter. The music remains still (and voiceless of course, would be extremely useless) and immaculate, works on different tones that can be assembled together by means of a floating drone / funeral doom, never extreme if not in its duration and gestation (three songs for three stars, 14, 35 and 15 minutes respectively).

It is certainly no secret to say that Voice of the Stars is not something for everyone. Even a skimming within the same kind of representation is desirable since here we cross (if we want) into the pure dark ambient approach territory, although the guitar is omnipresent in bringing down its heavy and vibrant cosmic darkness.

Arcane Voidsplitter's music will acquire further value at night, inside the external and internal silence that submerges us. The search for the ideal habitat will be crucial to be able to complete this difficult path (darkness and closed eyes are from the "instruction booklet"). But if we let ourselves be embraced by the incredible charm left by these notes we could really come out satisfied as well as "tried" in the correct way.

Thinking about space sends me out of my mind (the opposite would not be normal as far as I am concerned), but somehow the music contained on Voice of the Stars manages to appease this sensation. A slow destruction of the defenses is going on and we can almost see these immense and majestic celestial bodies dancing, first towards us (for a last farewell) and then towards their end.

Will you be ready to live, to celebrate this funeral for the stars?



Original Italian version :
Dal Belgio il genio di Stijn van Cauter continua ad eruttare nuove esalzioni sonore. Impossibile fermare la sua passione, placare la sua fame nel formulare sempre nuove direzioni sonore legate al circuito estremo del doom. Tante perle si sono sentite nel passato e se ne sentono ancora adesso grazie alla creazione di Arcane Voidsplitter, un’incarnazione che ha visto uscire il proprio secondo battito nel 2019 sotto le ali dell’ottima Aesthetic Death.

Con questo progetto il buon Stijn intende “glorificare” tre particolari stelle (Arcturus, Betelgeuse e Aldebaran), Voice of the Stars rappresenta così ben più della classica dichiarazione d’intenti, qui si intende donare suono al silenzio puro, quello spaziale, un’immagine che va rappresentata più con il pensiero che con gli occhi. E tale sensazioni ci vengono spinte contro a dovere e a “gravità zero” da Arcane Voidsplitter. La musica rimane ferma (e senza voce naturalmente, sarebbe oltremodo inutile) e immacolata, lavora su diversi toni assemblabili fra loro per mezzo di un drone/funeral doom fluttuante, mai estremo se non nella sua durata e gestazione (tre brani per tre stelle, rispettivamente di 14, 35 e 15 minuti).

Non è di certo un segreto dire che Voice of the Stars non è cosa rivolta a tutti. Persino una scremazione all’interno dello stesso genere di rappresentanza è auspicabile poiché qui sconfiniamo (se vogliamo) nel puro territorio d’approccio dark ambient, sebbene la chitarra sia onnipresente nel far scendere il suo pesante e vibrante buio cosmico.

La musica di Arcane Voidsplitter acquisirà ulteriore valore di notte, dentro il silenzio estrerno ed interno che ci sommerge. La ricerca dell’habitat ideale sarà determinante per riuscire a portare a termine questo ostico percorso (oscurità ed occhi chiusi sono da “libretto delle istruzioni”). Ma se ci lasceremo abbracciare dal fascino incredibile lasciato da queste note potremmo davvero uscirne soddisfatti oltre che “provati” nella corretta via.

Pensare allo spazio mi manda puntualmente fuori di testa (non sarebbe normale il contrario per quanto mi riguarda), ma in qualche modo la musica contenuta su Voice of the Stars riesce a placare questa sensazione. Va in atto una lenta distruzione delle difese e quasi riusciamo a vederli questi immensi e maestosi corpi celesti danzare, prima verso di noi (per un ultimo saluto) e poi verso la loro fine.

Sarete pronti a vivere, a celebrare questo funerale per le stelle?

Click here to return to the press archive.


Website and contents by Stijn Van Cauter